Come fare la grigliata di carne perfetta: trucchi e consigli

Sono tanti gli accorgimenti ed i trucchi da apprendere per scoprire come fare la grigliata di carne perfetta, dalla preparazione alla cottura.

Con l’arrivo della bella stagione la domanda “come fare la grigliata di carne perfetta?” è quasi un obbligo, oltre che un piacere.
Può sembrare semplice da ‘organizzare’ specie quando la fame incombe e stiamo aspettando parenti o amici per una riunione irrimandabile, ovviamente fissata per pranzo.
Può sembrare semplice come è semplice l’istinto di saziarsi quando si ha fame, ma bisogna seguire alcune regole ed approfittare di consigli, suggerimenti e trucchi che vogliamo svelarvi.
Per il barbecue esiste tutta una serie di accorgimenti che, una volta appresi, lo renderanno davvero perfetto.
La carne è la protagonista numero uno del barbecue e va onorata da grigliate impeccabili, lontano da ogni rischio di commettere errori o di rovinare deliziosi piatti
Il barbecue perfetto è impaziente di mettervi alla prova, quindi non vi resta che continuare a leggere.

Carbonella per la cottura ideale

Prima di accingervi a preparare il barbecue, armatevi degli strumenti adatti: guanti ignifughi, un paio di pinze lunghe almeno 40 cm, un pennello da barbecue per spennellare i cibi di olio e spezie ed una paletta a manico lungo per controllare la cottura dei cibi sufficientemente protetti dal calore.
Non usate la legna che rischia di produrre fiamme. Qualsiasi esperto alla domanda “come fare la grigliata di carne perfetta” risponderebbe allo stesso modo: va preparata sulle braci ardenti e sulla carbonella deve formarsi una patina bianca di cenere prima di poter sistemare la carne sulla griglia.
La distribuzione della brace deve essere uniforme e creare uno strato di 5-6 centimetri.
Se non avete mai fatto una grigliata, per iniziare e non rischiare incendi o di inalare fumo, potete usare un grill elettrico o a gas. Se optate per il gas, sistemate le bombole in verticale calcolando una buona distanza dei tubi dalla superficie calda del barbecue.
Il vero barbecue, comunque sia, ‘vuole’ la carbonella per la cottura ottimale e la croccantezza ideale dei cibi.

Quale carne scegliere e come prepararla

La carne migliore per la grigliata è quella di manzo, resistente alle cotture ad alte temperature, ma dipende dai gusti, c’è chi preferisce il filetto con l’osso. Non possono mancare in una grigliata che si rispetti le costine di maiale con sufficiente grasso che le rende più saporite ma anche salamelle, salsicce e spiedini in quantità. Potrete scegliere anche carne di pollo e vitello ma, per evitare che si secchino e per dare il giusto sapore, la marinatura è necessaria: è uno dei principali segreti per chi vuole scoprire come fare la grigliata perfetta.
Al di là dei sapori ed aromi che sceglierete, la marinatura deve essere grassa, oleosa, lievemente acida: gli ingredienti sono olio di oliva, mix di erbe aromatiche tritate (salvia, rosmarino e alloro), aglio e vino, evitando assolutamente il sale (la carne non va salata mai prima della cottura, potrebbe indurirsi troppo).
La carne di pollo e maiale va marinata dalle 2 alle 4 ore mentre la carne di manzo deve marinare per 4 ore buone. Le salse da preferire sono: la cosiddetta salsa barbecue, senape, maionese, tartara, guacamole.

Consigli e trucchi su come fare la grigliata di carne perfetta

La carbonella è preferibile al grill elettrico o a gas, come abbiamo detto, quindi concentriamoci sulla carbonella.
Per accendere il fuoco, sistemate un fondo di carbonella alta 3 cm circa sulla brace ed usate rametti sottili (o la diavolina). Il fuoco, secondo la regola, va acceso 30 minuti prima di cuocere la carne: è il tempo necessario per trasformare la carbonella in brace e poter cuocere perfettamente i cibi.
Soltanto voi ed i vostri gusti personali sapranno suggerirvi come fare la grigliata di carne perfetta in termini di cottura.
Se vorrete un risultato croccante (e con i segni della griglia) fuori e succoso dentro, dovrete asciugare bene la carne prima di cuocerla, quando il calore del barbecue raggiungerà almeno i 180 gradi, sistemandola possibilmente ai lati della griglia: in questo modo eviterete che la carne si carbonizzi e che i grassi sgocciolino lontani dalla brace perché potrebbero formarsi sostanze tossiche come, ad esempio il benzopirene.
Buon appetito.

Questa voce è stata pubblicata in dalla rete. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *