Come farsi venire la febbre

La febbre consiste nel fenomeno di innalzamento della temperatura del corpo oltre i 37 gradi. Non si tratta di una malattia, ma di un sintomo.

Farsi venire la febbre non è impossibile: esistono infatti dei metodi che, pur non dando certezze di riuscire, possono far alzare la temperatura del corpo.

Non bisognerebbe però esagerare, perché la febbre indotta potrebbe danneggiare la salute.

Quali sono i migliori metodi per farsi venire la febbre?

Eccone alcuno che, secondo molti, può funzionare.

  • Mettersi al sole. Stare al sole per circa mezz’ora in maniche corte può essere un modo di innalzare la temperatura del corpo. In alcuni casi la febbre non si manifesta subito, ma dopo qualche giorno, ed i sintomi sono mal di gola, cefalea e nausea.
    Il colpo di sole è il metodo migliore per farsi venire la febbre ma attenzione, stare troppo al sole, specie nelle persone con pelle delicata e con una certa costituzione, può causare dei grossi disagi.
  • Metodo della saponetta durante il sonno. Andare a dormire con una saponetta sotto le ascelle può aiutare a far salire la febbre. Infatti la zona ascellare è una delle più calde del corpo umano: quindi se la si mantiene fredda costantemente si può sperare di aumentare la temperatura del corpo.
  • Mangiare una patata cruda. Non si tratta di un metodo molto affidabile ma secondo alcuni mangiare una patata cruda aiuterebbe a farsi venire la febbre. Per altre persone invece stare all’aperto con il dentifricio sulle labbra, a maniche corte e pantaloni corti, potrebbe aiutare a far salire la temperatura del corpo.
  • Doccia fredda e calda. Alternare la temperatura del corpo può indurre la manifestazione della febbre. Bisognerebbe farsi la doccia un po’ calda ed un po’ fredda, e quindi asciugare la testa con l’asciugacapelli caldo.
  • Ghiaccio sotto il cuscino. Un altro metodo che potrebbe causare una febbre molto alta (quindi maneggiare con attenzione) è dormire con il ghiaccio sotto il cuscino.

Se ritenete che con la salute non si debba scherzare e quindi non volete farvi salire la febbre, potete sempre barare. Ad esempio avvicinare la punta del termometro alla lampadina della lampada. Attenzione a non farlo esplodere e soprattutto bisogna tenerlo solo pochi secondi, ed evitare di ottenere risultati troppo alti (sopra i 40 gradi).

Anche scuotere il termometro al contrario è un buon modo per far salire sensibilmente la temperatura dello strumento e quindi simulare la febbre.

Questa voce è stata pubblicata in dalla rete. Contrassegna il permalink.