Alternative finanziarie per i lavoratori autonomi

Il lavoratore autonomo con disguidi finanziari non ha molte alternative per ottenere una somma di denaro in prestito.
Purtroppo egli non può accedere alla cessione del quinto altrimenti con un finanziamento semplice come la cessione del quinto dello stipendio o con la cessione del quinto della pensione risolverebbe velocemente i suoi problemi. Purtroppo per lui, queste due soluzioni possono essere richieste esclusivamente dal lavoratore dipendente che possiede un contratto di lavoro a norma e dal pensionato che percepisce una pensione superiore a quella minima.
Il lavoratore autonomo può affidarsi al prestito cambializzato o al finanziamento con garante.
Nel primo caso, si farà uso delle cambiali. Non ci saranno rate da pagare ogni mese ma delle cambiali da ripagare entro una scadenza prestabilita, presente come data su ciascuna cambiale. Ogni titolo (la cambiale è un titolo) dovrà essere pagato entro la data di scadenza. Per poter accedere ad un finanziamento di questo tipo non sarà necessario presentare delle garanzie di tipo reddituale. La fiducia dell’istituto di credito si guadagnerà presentando la certificazione della proprietà di un immobile. Il lavoratore autonomo potrà quindi ottenere un prestito con cambiali in maniera pratica e veloce presentando alla società finanziaria tutta la documentazione che dimostra che egli, o qualcuno che gli farà da garante, è il proprietario di una casa.
Nel secondo caso il lavoratore autonomo dovrà presentarsi presso la banca con un altro soggetto che dovrà disporre di tutti i requisiti che l’istituto di credito richiede. Non dovrà aver avuto disguidi di natura finanziaria e dovrà avere una fonte di reddito continuativa e dimostrabile. Chi farà da garante si assumerà la responsabilità di rimborsare il pagamento delle rate mensili qualora il lavoratore autonomo, cioè il debitore principale, dovesse non pagare il debito. Non avrà importanza se il debitore non vorrà pagare o non ne avrà le possibilità economiche, in ogni caso sarà compito del garante occuparsi dei pagamenti sino alla completa estinzione del debito.

Questa voce è stata pubblicata in dalla rete. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *